fbpx
ILHA DE BOAVISTAISOLE

Boa Vista – L’isola accogliente

Boa Vista: “bella vista”

La terza isola più grande e la più orientale di Capo Verde rende sicuramente giustizia al suo nome: Boa Vista: “bella vista”. Mentre il turismo di massa ha già raggiunto la più piccola isola di Sal, la vita su Boa Vista è un po’ più autentica. Tuttavia, l’aeroporto internazionale è stato aperto nel 2007 e gli investitori italiani e spagnoli hanno scoperto l’isola e stanno costruendo hotel. Le persone che hanno familiarità con Capo Verde presumono che Boa Vista sarà una seria competizione per l’isola di Sal per quanto riguarda il turismo nel giro di pochi anni. Il paesaggio qui è caratterizzato anche da deserti di sabbia e ghiaione. Tuttavia, ci sono anche alcune basse catene montuose – e, naturalmente, molte spiagge (55 chilometri), molto sole, il mare e condizioni eccellenti per gli appassionati del mare.

Un po’ di storia
Fu scoperta il 3 maggio 1480, dopo le isole di Maio, Santiago e Fogo, e per la prima volta fu chiamata S. Cristovão. Il nome Boa Vista ha la sua origine nell’esclamazione “Capitano, buona vista (boa vista)”, invece della tradizionale “Terra a vista”, a causa della gioia di un marinaio nell’abbaino di una nave a vela che ha affrontato una paura tempesta.

Inizialmente dipendente da uno dei porti sotto il comando di un capitano nell’isola di Santiago, l’occupazione di quell’isola iniziò nel 1497, quando fu data al capitano Rodrigo Afonso per l’allevamento del bestiame con un piccolo numero di pastori.

Nei secoli XVII e XVIII, BoaVista era la capitale economica di Cabo Verde e il suo porto di Sal Rei situato in una baia riparata era un fiorente centro commerciale. Fu a BoaVista che nacque la Morna, uno stile dolce e nostalgico. Sfortunatamente, la baia di Sal Rei si insinua inesorabilmente nel corso degli anni e le autorità coloniali decisero di stabilirsi sull’isola di Santiago dove hanno fondato Praia, la capitale di oggi. All’inizio del 19 ° secolo, le compagnie armatoriali inglesi che cercavano uno scalo migliore per fornire rifornimenti fondarono il porto di Mindelo sull’isola di Sao Vicente, dove la baia di Porto Grande poteva contenere fino a 50 navi oceaniche.

A questo punto, BoaVista scivolò delicatamente nel dimenticatoio e rimase un paradiso da scoprire. BoaVista è la seconda isola di Cabo Verde sulla carta, ma a differenza del suo vicino Santiago, è molto piatta e secca. Il suo clima è uno dei più aridi dell’arcipelago: è come un pezzo del Sahara perso nell’Oceano Atlantico.

Le capre portate sull’isola nei secoli hanno divorato la vegetazione fino alle radici. Passeggiando i turisti possono ammirare le dune, le oasi e il mare – spiagge particolarmente adatte alla vela e al surf – ma la vita sull’isola è una lotta continua. L’unica cosa vivente in grado di prosperare in queste condizioni ostili è una pianta: il djalunga. Perché stabilizza il terreno e nutre greggi di pecore, è diventato un simbolo di resistenza.

Un simbolo di vita, di sopravvivenza, di tranquillità … Conosciuta come l’isola di spiagge e dune con chilometri di spiagge di sabbia bianca e acque verde smeraldo, BoaVista offre un ambiente tranquillo e incontaminato sopra e sotto l’acqua cristallina. Se il birdwatching è la tua passione, BoaVista ha uccelli tropicali unici. Immersioni subacquee in un ambiente costellato da navi affondate. Qui puoi fare windsurf, immersioni o snorkeling tra le barriere coralline e le spettacolari specie di pesci.

Nell’isola dove è iniziata la “morna”, puoi trascorrere le serate al suono della musica, nell’atmosfera africana calda ed esotica. Soprattutto, troverai un contatto con il popolo ospitale di BoaVista, sempre pronto a una buona conversazione.

La capitale dell’isola di Boa Vista, Sal Rei, sembra piuttosto accogliente e quasi assonnata, anche se più della metà dei 12.000 abitanti dell’isola vivono qui. Sulla piazza principale, la Praça de Santa Isabel con i suoi numerosi fiori colorati e padiglioni, è possibile ammirare le merci vendute dai commercianti africani. Qui si vendono batik colorati e figure in legno intagliato, oltre a frutta e verdura. Sal Rei ha anche un’agenzia di viaggi, un centro di salute, una banca e un ufficio postale. 
L’Igreja da Santa Isabel, che si trova direttamente accanto a Praça de Santa Isabel, è stata costruita in stile coloniale ed è decorata da una facciata barocca nei toni della sabbia e dell’azzurro.
Lungo l’oceano, in Avenida dos Pescadores, è possibile visitare la vecchia banchina del porto e un cantiere navale. Direttamente di fronte, si può vedere la piccola isola di Ilheu de Sal Rei in mare aperto. Più a nord, l’Avenida dos Pescadores è fiancheggiata da alberi e piccole casette colorate e sognanti in ogni colore possibile ai margini della strada. 
Le saline, in cui una volta veniva prodotto il sale reale (Sal Rei) di migliore qualità, si trovano a nord-est della città. Se guidi ancora un po’, riconoscerai le rovine della cappella di Nossa Senhora de Fátima sopra la costa rocciosa.
Le baie di Sal Rei sono perfette per nuotare perché sono protette contro il vento dall’isola di Ilheu de Sal Rei, che si trova al largo di essa. Raccomandiamo vivamente la spiaggia sabbiosa lunga chilometri di Praia do Estoril a sud della città. Inoltre, la Praia de Carlota e la Praia da Chave si trovano a sud e la Praia de Cabral si trova a nord.

Rabil, nel sud-ovest dell’isola, è possibile visitare un piccolo laboratorio di ceramiche e la chiesa di São Roque. In direzione di Estância de Baixo, una piccola oasi con palme da cocco e palme da dattero si affaccia nella valle. 
Il più antico insediamento di Boa Vista, che è stato costruito circa 500 anni fa, è nel sud-ovest dell’isola: Povoação Velha. La piccola piazza Praceta de Santo António con i suoi fiori e panchine per riposare è nel cuore della città. La piccola e giocosa chiesa Igreja Nossa Senhora da Conceição, costruita nel 1828, si trova alla periferia della città. Il suo interno è decorato con un dipinto che ha numerose piccole immagini di santi.
La Praia de Santa Monica nel sud di Boa Vista è considerata la spiaggia più bella di Capo Verde. Puoi anche vedere Maio e São Nicolau dal punto di osservazione di Rocha Estância (354 metri). 
L’est dell’isola è così solitario e desertico che in alcune zone non vedrai nessuno. Il quartiere Fundo Figueiras nella frazione di Norte ha una graziosa chiesetta, Igreja São João Baptista, con facciate bianche e pastello. Le casette sono molto colorate. 
Le spiagge solitarie in questa parte dell’isola sono più adatte per lunghe e tranquille passeggiate che per il nuoto. Sfortunatamente, il numero di rapine sull’isola è aumentato insieme al rapido sviluppo del turismo. Non dovresti mai fare lunghe passeggiate su spiagge appartate da solo. È sempre meglio andare in gruppo.

Tags
Show More

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close